10 curiosità sulla Pizza

La pizza è il piatto italiano più conosciuto al mondo e anche il più amato. Così apprezzato da vantare imitazioni praticamente ovunque. Si tratta non solo di una cucina semplice e genuina che ristora il palato ma anche di un piatto sfizioso che ricorda la casa, la tradizione nostrana e offre soprattutto una piena personalizzazione. Esiste la pizza con il pomodoro e la mozzarella ma anche varianti più complesse con formaggi, funghi e addirittura frutti di mare. Proprio questo suo essere così gustosa e così deliziosa la rende tanto apprezzata. Non tutti però conoscono delle simpatiche curiosità che un estimatore della pizza deve assolutamente conoscere.

Pizza: la ricetta originale

1. La pizza che mangiamo oggi, quella apprezzata in qualunque città, segue la ricetta tradizionale napoletana. Quella del Seicento era bianca, semplice, con sale grosso, aglio e strutto o, per i più facoltosi con formaggio e basilico. Tuttavia il pomodoro non arriverà prima del Settecento, sempre nella cucina partenopea e poi in Italia. A quel punto la pizza napoletana diventa rossa e inizia la sua ascesa nel mondo partendo proprio dalla Campania.

Il successo della pizza nel mondo

2. Il successo della pizza non è stato tutto italiano. Se i napoletani l’hanno inventata è merito degli americani averla resa celebre. L’America ha osannato questo alimento, facendone un mito e inventando poi una versione che ha un impasto completamente diverso. Eppure gli States ne hanno fatto una vera rockstar, grazie anche alle catene che sono sorte per la produzione della pizza e alle celebrità come Julia Roberts che nel tempo hanno osannato questo piatto italiano.

La prima pizza venduta online

3. La prima pizza venduta online è stata realizzata e inviata da Pizza Hut nel 1994. Il punto vendita californiano aprì un sito dove era possibile ordinare una pizza direttamente dal divano di casa. Si tratta del primo esempio di e-commerce legato alla vendita di questo prodotto. Negli anni Novanta anche altri provarono a fare i soldoni con la pizza. Sergey Brin, uno degli inventori di Google, provò a creare un sistema che permetteva di ordinare la pizza tramite internet e usando il fax ma fu un vero disastro.

La pizza più costosa

4. La pizza più costosa al mondo è stata venduta nel 2009 ad un giovane che ha pagato 10mila bitcoin per due margherite a domicilio. Si tratta del programmatore Laszlo Hanyecz che non sapeva il valore che di lì a poco avrebbero avuto i bitcoin, ovvero 126 milioni di euro.

Una dieta a base di Pizza

5. Una delle curiosità che farà piacere ai salutisti è quella inerente una dieta basata sul consumo esclusivo di pizza. Si tratta di un regime ipocalorico da 1200 calorie che permette di cibarsi per un’intera settimana solo di pizza, sia a pranzo che a cena. Ovviamente è indispensabile scegliere un tipo semplice, magari al pomodoro o con delle verdure, bandendo quelle più caloriche.

Quale è la migliore pizza italiana?

6. La pizza migliore d’Italia viene prodotta, secondo il Gambero Rosso, dal pizzaiolo Francesco Martucci de I Masanielli e dal pizzaiolo Franco Pepe di Pepe in grani entrambi in provincia di Caserta. Solo la città di Napoli, in Campania, vanta all'incirca 1500 pizzerie sul territorio. Guardando il podio della classifica infatti quasi tutte le prime dieci pizzerie che hanno vinto il premio sono di origine campana e nello specifico divise tra Napoli e Caserta. Le detentrici del podio si sono distinte negli ultimi anni, ricevendo sempre il premio per la migliore pizza d'Italia, grazie alla varietà degli impasti, al gusto unico degli ingredienti e al rispetto per la tradizione.

Patrimonio UNESCO

7. La pizza viene ritenuto un patrimonio culturale per l’Italia al punto da essere stata riconosciuta come patrimonio UNESCO insieme alla dieta mediterranea. Essa rappresenta non solo un piatto prelibato, nonostante la sua semplicità, ma anche un simbolo culturale e identitario per l’Italia che viene rappresentata nel mondo con questa delizia. In qualunque parte del mondo, anche la più lontana, ci sono ristoranti italiani che promuovono l'arte della pizza. Attenzione però a non confodersi con ristoranti turchi e arabi che spesso propinano una pizza, molto differente da quella italiana, di cui talvolta si dicono fautori.

Le pizze più strane al mondo

8. Tra le pizze più strane mai realizzate vi sono quella all’ananas, molto amata in USA e in tanti Paesi esteri, ma anche la pizza con la frutta come kiwi, fragole, asparagi. Addirittura però esiste una pizza con gli insetti in alcuni Paesi. Alcune sono così terribili anche solo nell'immaginario che è stato espressamente richiesto a livello mondiale di eliminarne la produzione.

Un museo della Pizza?

9. A Philadelphia, negli USA, esiste il museo della Pizza. Si chiama Pizza Brain ed è stato ideato dall’omonimo Brian Dwyer che è entrato nel Guinness dei primati per essere il più grande collezionista al mondo di oggetti a tema pizza. Questo non è l'unico record relativo al mondo della pizza, nel testo è possibile appurare anche tantissimi record raggiunti proprio in Italia, come la pizza più grande al mondo o il numero di pizze maggiore fatto contemporaneamente.

Le pizzerie nel mondo

10. Il numero più elevato di pizzerie al mondo si trova in Italia e il dato chiaramente non sorprende, è sorprendete però che a seguire ci sono città come San Paolo in Brasile dove se ne contano 6500 e la città di New York con 5000 pizzerie. Non è un caso quindi se molti americani sono convinti che la pizza sia stata inventata negli USA e non in Italia e che portino alto questa idea, pur servendo ai clienti un tipo di pizza con impasto totalmente differente da quello italiano, più impegnativo e decisamente più costoso.

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri
Prodotto aggiunto per il confronto.
Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la pagina informativa sui cookie. Chiudendo questo elemento o interagendo con questo sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookies di cui fa uso il sito.